Scuola

Avvio anno scolastico: per aprire le scuole i Ds potranno chiedere più docenti e ATA

Anno scolastico, tutto quasi pronto. Questo è quanto emerge dall’incontro tra sindacati e ministero dell’istruzione sull’ordinanza alla firma del ministro Azzolina. I presidi potranno segnalare le richieste di organico in deroga ai parametri esistenti nel rispetto delle linee guida e del protocollo sulla sicurezza che sarà firmato a breve per ridefinire gli organici.

La delegazione Anief, composta dai segretari generali Stefano Cavallini e Giuseppe Faraci, ha sottolineato la necessità di informare le RSU sulle eventuali richieste di organico aggiuntivo di personale docente e ATA oltre che alla consultazione di RRLLSS e RRSSPP  per le azioni da porre in essere riguardo l’emergenza epidemiologica da Covid-19.  Le supplenze per il personale docente saranno affidate alle graduatorie di istituto e il licenziamento in caso di chiusura delle attività didattiche non darà luogo ad indennizzo pur nel rispetto delle tutele previste per i lavoratori dalla normativa vigente (TFR, NASPI, etc…).

Il giovane sindacato invita le RSU a vigilare sul rispetto delle norme della sicurezza dei lavoratori per il corretto avvio del prossimo anno scolastico. Marcello Pacifico (ANIEF): “La responsabilità di aumentare gli organici nelle scuole ora sta tutto in capo ai dirigenti scolastici e ai sindacalisti. Insieme possono collaborare per costruire una scuola migliore aldilà dei tristi numeri dettati dai tagli degli ultimi 15 anni. Non esiste un numero predeterminato di assunzioni ancorché a tempo determinato dettato da Roma, ma esiste la possibilità di poter chiedere per ogni scuola il numero giusto di insegnanti e personale ATA nella costituzione dei plessi e delle classi per il nuovo anno scolastico. Se poi vogliamo tutelare la continuità didattica nelle scuole dell’infanzia e primaria, che sono al centro dell’attenzione del ministro, continuiamo a pensare che bisogna risolvere il lodo dei diplomati magistrale con un nuovo concorso straordinario da bandire nei prossimi giorni”.

COMUNICATO STAMPA ANIEF

 

Leggi altre notizie su Tabloid. Segui le pagine Facebook - Twitter - Instagram
Riproduzione consentita con link a originale e citazione fonte: Tabloidonline.it