Attualità

Coronavirus, Massimo Galli: “Aumento contagi? Siamo ancora all’inizio”

Massimo Galli, primario del reparto Malattie Infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, ha svelato che siamo ancora all’inizio della crescita dei contagi da coronavirus. Parole che colpiscono tutti, soprattutto ora che i casi sono effettivamente in crescita ogni giorno, anche se la maggior parte è dovuta al rientro dalle vacanze.

Il primario ha voluto anche sottolineate che non è tutta colpa dei più giovani o delle persone che si sono stancate e hanno pensato di potersi muovere in libertà.

“Aumento di contagiati da covid? Ci sarà anche stata una mancanza di consapevolezza, ma questa è stata forse indotta da alcuni interventi decisamente permissivi. Non stiamo a demonizzare i ragazzi o le persone che, non potendone più, hanno pensato di muoversi in assoluta libertà” ha spiegato Massimo Galli, parlando dei numeri in crescita di casi di coronavirus.

Al primario è stato chiesto se si aspettava un ritorno del virus in questo modo ad agosto e lui ha risposto che una parte di sé lo temeva, ma sperava proprio che questo non accadesse.

“Qui il segnale dell’apertura delle discoteche è stato pessimo e ha avuto risultati pessimi.

E purtroppo non siamo che all’inizio, ahimè. Ora i contagiati sono prevalentemente giovani, perché stiamo facendo tamponi a coloro che rientrano dalle vacanze o comunque a persone non particolarmente anziane. La mia amata zietta di 91 anni, per dire, è stata a casa a Milano. Non è che il virus ha cambiato gusti e ora colpisce le persone più giovani. In passato facevamo test soltanto ed esclusivamente alle persone gravemente sintomatiche, che ovviamente erano per la maggioranza anziane” ha spiegato Massimo Galli, sottolineando questo cambiamento riguardo l’età dei pazienti.

Leggi altro su Tabloid. Segui le pagine Facebook - Twitter - Instagram
Riproduzione consentita con link a originale e citazione fonte della tabloidonline.it