Rubrica alla Cattedra

Enrico Galiano: quanti dubbi sul ritorno a scuola

NUOVE LINEE GUIDA PER LA SCUOLA: LE ULTIME DELLA NOTTE DI ENRICO GALIANO

Contrordine: il Ministro ha dichiarato che a settembre si torna a scuola. Una task force di esperti del Ministero è stata sveglia fino a tarda notte per elaborare un piano d’azione e svariati piani B, C, fino alle più remote lettere dell’alfabeto per garantire a studenti e studentesse il ritorno sui banchi, checché ne dica il virus e le sue future mutazioni. Questa la fredda cronaca del tavolo di lavoro:

Ore 22:05
Basta, è deciso: si torna a scuola. Per ovviare al pericolo contagi e allo stesso tempo per mettere a tacere la polemica sul fatto che le discoteche sono affollatissime e le scuole chiuse, si è deciso di tagliare la testa al toro: si farà scuola direttamente in discoteca. Gli insegnanti si trasformeranno in deejay e spiegheranno la consecutio temporum e la Presa della Bastiglia a tempo con le più accattivanti hit techno. Il Ministero ha già stanziato i fondi per i corsi di aggiornamento in TECNICHE DEL MIXAGGIO DISCHI e TEORIA E PRATICA DEL BALLO SUL CUBO. Potremo finalmente con orgoglio sentir dire dai nostri ragazzi “Ho passato la notte sui libri!” o “Ieri mi sono proprio divertito studiando fisica!” senza sentire il bisogno di far loro immediate analisi del sangue.
Il Ministro è apparso soddisfatto della decisione, subito definita irrevocabile.

Ore 23:12
Contrordine: a seguito delle proteste levatesi da tutti i residenti vicini a discoteche, si è deciso di cambiare location. E poiché in questi giorni si sta assistendo a veri e propri formicai sulle nostre spiagge e lungo le strade delle città di mare, si è deciso di tagliare la testa al toro: si farà scuola direttamente sulla battigia. Subito apparso chiaro il grande vantaggio di questa idea: non occorreranno quaderni o tablet, ragazzi e ragazze potranno scrivere direttamente sulla sabbia. Il Ministero ha già stanziato i fondi per i corsi di aggiornamento in SALVATAGGIO BAGNANTI e VITA E PENSIERO DI MITCH BUCHANNON, FILOSOFO.
Il Ministro è apparso soddisfatto della decisione, subito definita irrevocabile.

Ore 00:21
Contrordine: a seguito delle proteste di diversi gruppi politici e non, che si sono riuniti prontamente in piazza a migliaia per dire no a scelte che possono mettere in pericolo la salute di tutti, si è deciso di cambiare location. E anche per mettere a tacere tutte le polemiche su queste manifestazioni di piazza che creano assembramenti, si è deciso di tagliare la testa al toro: si farà scuola durante le manifestazioni di piazza. Gli studenti dovranno indossare dei gilet arancioni per mimetizzarsi, mentre gli insegnanti dovranno munirsi di megafoni e spiegare integrali e derivate in piedi sopra un predellino, un monumento ai caduti o anche una pila di libri. Il Ministero ha già stanziato i fondi per i corsi di aggiornamento in TERRAPIATTISMO: NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA e CONTROSTORIA DELLO SBARCO SULLA LUNA: PERCHÉ È TUTTA UNA MONTATURAAA!!1!
Il Ministro è apparso soddisfatto della decisione, subito definita irrevocabile.

Ore 02:34
Contrordine: a seguito delle importantissime e autorevolissime proteste da parte di fragolina65 e sonothebest78, il Ministero ha alla fine deciso di non capirci più niente e di tornare alle linee guida di partenza, che sono state diramate poco fa e che sono state riassunte in questi tre punti chiave:
1) Fate un po’ voi, in coscienza
2) Che dio ce la mandi buona
3) In ogni caso tenetevi pronti con la didattica a distanza

Il Ministro è apparso soddisfatto della decisione, subito definita irrevocabile.

ENRICO GALIANO – PROF E SCRITTORE

Leggi altre notizie su Tabloid. Segui le pagine Facebook - Twitter - Instagram
Riproduzione consentita con link a originale e citazione fonte: Tabloidonline.it