Cronaca

La truffa dei finti tamponi: risulta negativo ma scopre di avere il Covid

tamponi

Emergono nuovi dettagli sul caso dell’infermiera di Civitavecchia e del suo compagno che, secondo gli inquirenti, eseguivano tamponi per il coronavirus, rubati in ospedale, a domicilio e dando poi agli ignari pazienti sempre risultato negativo.

LE PERSONE CHE HANNO FATTO IL TEST

Tra le persone che si sono sottoposte al test e che, come tutti gli altri, avevano ricevuto un falso referto, ce n’è una che è poi invece risultata positiva al Covid-19.

LA TRUFFA DEI TAMPONI

Come sottolinea Il Messaggero, il rischio è che questa persona, prima di sottoporsi a un secondo tampone e convinta quindi di non aver contratto la malattia, possa aver invece contagiato parenti, amici e conoscenti.

IL LAVORO DEGLI INVESTIGATORI

E’ importante per gli investigatori capire, quindi, quante persone si siano rivolte all’infermiera, che si dice estranea ai fatti, e al compagno per sottoporsi al test che veniva offerto a un prezzo inferiore a quello di mercato.

I PARTICOLARI DELLE INDAGINI

Dalle indagini sarebbe emerso, inoltre, che l’uomo, dipendente di una Rsa, avrebbe usato lo stesso stick per eseguire il tampone su più pazienti. Se accertato, il fatto sarebbe molto grave perché vorrebbe dire trasmettere il contagio da una persona all’altra.

L’OSPEDALE DI CIVITAVECCHIA

Il materiale per eseguire il test nasofaringeo sarebbe, invece, stato rubato dalla donna nell’ospedale San Paolo di Civitavecchia.

Continua a leggere Tabloid.
Seguici su Facebook, Twitter, Instagram