In primo piano Scuola

Scuola, un’ora di pausa ogni due consecutive: cosa sta cambiando in queste ore per gli insegnanti

immissioni in ruolo-scuola

Scuola. “Anziche’ una norma rigida, il contratto integrativo ha lasciato a ogni scuola la possibilita’ di muoversi, entro i limiti delineati da Linee guida e dal contratto, come piu’ riterra’ opportuno il Collegio docenti, di cui si ribadisce il ruolo di assoluta centralita’ nell’ambito delle scelte didattiche da adottare”. Lo rende noto Marcello Pacifico, leader di Anief, che ha firmato con la Cisl il contratto integrativo sulla didattica digitale integrata.

Pause adeguate a scuola

“Analogo ragionamento vale anche in ordine alla necessita’ di prevedere pause adeguate per i docenti impegnati nella DDI. Ogni scuola potra’ operare in autonomia, ad esempio riducendo l’unita’ oraria di 5 o 10 minuti oppure disponendo una pausa di almeno un’ora ogni due di lezioni consecutive nello stesso giorno. Stessa cosa riguardo all’eventuale indicazione del numero massimo di ore che ogni docente deve svolgere giornalmente in DDI, che Anief ritiene non debba superare le tre ore al giorno”, prosegue Pacifico.

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK DELLA SCUOLA

“Come ogni contratto, anche questo puo’ essere migliorato ma le nuove regole del DPCM hanno impresso un’accelerazione alla firma di un testo che riporta la gestione della DDI nella competenza degli organi collegiali e al rispetto del contratto, inclusi i permessi per la partecipazione alle assemblee sindacali”, conclude Pacifico. Il testo puo’ entrare in vigore se firmato dal 51% dei sindacati della scuola .

Continua a leggere Tabloid comodamente su smartphone da Facebook, Twitter, Instagram, Google News

Potrebbe interessarti