Attualità

Taranto, case in vendita ad 1 euro: bando per ripopolare la sua Isola

A Taranto sono in vendita delle case ad 1 euro, per ripopolare l’Isola Madre, centro storico della città che divide il Mare Grande dal Mar Ionio. L’isola collega il quartiere di Tamburi, vicino all’ex stabilimento dell’Iva, alla parte orientale della cittadina.

La decisione di vendere queste case è stata presa dal Comune lo scorso gennaio, ma la pubblicazione del bando ufficiale è arrivata solo ora. Ci sono in vendita gli immobili di 7 edifici municipali della Città Vecchia, pronti per essere acquistati.

Il Comune, in una nota, ha precisato che fino al 20 novembre imprese, agenzie, società o cittadini hanno il tempo per presentare la loro proposta.

Questo è già accaduto in piccoli paesini o borghi, ma in una grande città come Taranto è la prima volta. Si tratta di un’iniziativa per riuscire a donare più vita al centro storico della città. Un progetto molto ambizioso che riguarda il borgo antico di Taranto, isola circondata dal mare abitata da meno di 3000 persone. Le proprietà comunali sono circa 1.3000. Per il momento il Comune parte con sette immobili, tre in Postierla Immacolata, due in via Di Mezzo, uno in Vico Serafico e uno in Via Santa Chiara.

Le schede degli immobili sono allegate al bando e ogni proposta verrà valutata in base a tre parametri: ecosostenibilità, destinazione progettuale e contratto di sponsorizzazioni.

Coloro che riusciranno ad aggiudicarsi l’immobile avranno un anno di tempo per avviare il cantiere.

Lo scopo è riqualificare l’Isola, ma si pensa anche a riqualificare immobili storici. “Con la pubblicazione del bando il progetto ‘case a 1 euro’ inizia il suo ambizioso percorso. L’interesse verso questa opportunità ha prodotto corrispondenza proveniente da tutto il mondo, il fascino di Taranto e della sua storia si è già rivelato un potente attrattore” ha spiegato Rinaldo Melucci, sindaco di Taranto, che ha aggiunto che un euro è un contributo simbolico per un obiettivo epocale, ovvero ripopolare la città vecchia dopo decenni.

Leggi altro su Tabloid. Segui le pagine Facebook - Twitter - Instagram
Riproduzione consentita con link a originale e citazione fonte della tabloidonline.it