Cronaca

Tragedia in casa, lite tra fratelli finisce nel sangue: 30enne morto accoltellato

Lo ha colpito con un coltello. E gli ha reciso l’arteria femorale. Ha ucciso cosi’ suo fratello, durante una lite. Prima uno scontro verbale, poi l’accoltellamento per motivi che al momento non sono ancora del tutto chiari. Tragedia, la scorsa notte, nell’Avellinese, a Lioni.

Protagonisti due fratelli trentenni, tra loro solo un anno di differenza. Sara’ l’autopsia a far luce sulla morte di Antonello Della Vecchia, 30 anni, morto dissanguato dopo essere stato colpito dal fratello. Il Pm della Procura di Avellino, Teresa Venezia, ha affidato l’esame irripetibile al medico legale, Elena Picciocchi, anche per far emergere eventuali elementi che possano spiegare il litigio esploso tra i due fratelli poco dopo le 4 di stamattina, al piano terra della villetta in contrada Procisa Vecchia, dove risiedono anche i genitori.

Sono infatti oscuri i motivi che hanno portato Marco Della Vecchia, 31 anni, a sferrare il colpo mortale sembra, a quanto si apprende, utilizzando un coltello da cucina. Il presunto fratricida e’ da ore sottoposto ad un lungo interrogatorio da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Avellino e al momento non si hanno notizie di provvedimenti emessi nei suoi confronti.

A dare l’allarme sono stati i genitori, svegliati dalle grida di dolore di Antonello che hanno ritrovato in un lago di sangue. Sono stati loro, due ex commercianti molto noti e stimati in paese, a chiamare il 118 ma la corsa verso l’ospedale di Sant’Angelo dei Lombardi (Avellino) e’ stata inutile: prima che i sanitari dell’ospedale potessero intervenire, Antonello e’ morto.

La comunità lionese e’ rimasta profondamente turbata per una tragedia che ha coinvolto una famiglia molto stimata cosi’ come erano considerati anche Antonello e Marco. Il sindaco, Yuri Gioino, e’ stato tra i primi a recarsi in ospedale per manifestare vicinanza e solidarietà alla famiglia.

Leggi altro su Tabloid. Segui le pagine Facebook - Twitter - Instagram
Riproduzione consentita con link a originale e citazione fonte della tabloidonline.it